campi

CAMPIGLIA: La Rocca di Campiglia e la Rocca di San Silvestro (la Pompei del Medioevo). Non mancare il Parco archeomineralogico. Perdersi nel labirinto delle vie di Campiglia. Belle passeggiate nella campagna.

Schermata 2015-10-19 a 16.26.25

GOLFO DI BARATTI, POPULONIA: La bellezza, un posto magico. Gli etruschi l’avevano capito… Visitare il parco archeologico etrusco. Ammirare la vista a 360° dalla fortezza di Populonia.

piombino

PIOMBINO: Superate le acciaierie, la città offre un centro storico simpatico e una zona pedonale con tanti negozi. Non mancare la Piazza Bovio e la sua vista unica sull’isola d’Elba.

bolgheri

BOLGHERI: Piccolo borgo molto carino, purtroppo spesso invaso dai turisti. Vale la pena anche per la via dei cipressi immortalata da Giosue Carducci.

suvereto

CASTAGNETO, SUVERETO, SASSETTA, MONTEVERDI: i bei paesi della zona.

lardello

MONTEROTONDO, LARDERELLO, SASSO PISANO: Fra i primi posti dove fù sfruttata l’energia geotermica. I tubi e i soffioni che inquadrano la zona sono spettacolari e ci ricordano che siamo in una zona vulcanica.

massa

MASSA MARITTIMA: Cittadina medioevale molto carina. Andarci possibilmente dalla strada di Montebamboli.

accesa

LAGO DELL’ACCESA: Fra Massa e Follonica, un piccolo laghetto turchese in una zona etrusca. Si può fare il bagno.

 br

GROSSETO: a 60 km a sud di Campiglia. Centro storico molto carino, circondato da mura medicee come a Lucca. Zona pedonale con tanti negozi, bar e ristoranti.

 tarocchi

IL GIRARDINO DEI TAROCCHI: Il capolavoro di Niki de Saint-Phalle. Un mondo onirico e magico. Prendere la variante Aurelia direzione Roma e uscire a Pescia Fiorentina. Controllare gli orari di apertura sul sito internet (cliccare sulla foto)

 calid

IL CALIDARIO: Fra Campiglia e Venturina, centro termale con un laghetto alimentato da una fonte d’acqua a 36°. Centro benessere e ristorante.

punta

IL GOLF DI PUNTA ALA: Il campo situato in una zona panoramica con vista sul mare, sviluppa una lunghezza complessiva di mt.6.168 con un PAR 72 , con leggere e naturali ondulazioni del terreno, nel bel mezzo della “macchia maremmana” composta da una folta vegetazione di alberi sempreverdi.